I must have dell’autunno. Ovvero, i sentimenti e gli uomini da indossare.

Da leggere ascoltando Ezio Bosso – practicing in Palazzo Barolo

L’autunno si sa è la stagione della fuga.

E’ il periodo dell’anno in cui, più di sempre, ci sentiamo malinconici, irrequieti e pazzerelli. Ecco perché, più che in altre stagioni, è necessario comporsi un kit di sopravvivenza, una lista di “must have” con cui affrontare il clima di pioggia e malinconia con la certezza di sopravvivere.

E quando parlo di “must have” non mi riferisco di certo a fashion item di cui non puoi fare a meno ma di sentimenti, oggetti, persino uomini, che è meglio procurarsi quanto prima.
Innanzitutto non è autunno senza una bottiglia di Barbera, del cioccolato fondente di Gobino e un vinile di musica minimalista, se vuoi andare sul sicuro ti consiglio questo.

Ma parliamo di cose da tenere addosso, e non parlo di calze parigine e abitini a tuta aperti sulla schiena, che comunque ti consiglio di tenere sempre nell’armadio. No, parlo di abbracci caldi: l’autunno è perfetto per sfoderare un amore coccoloso, un uomo premuroso e presente. Se per l’estate il must have assoluto è un uomo indipendente, che ci trascura, che ci dà un po’ di respiro nel caldo torrido e afoso di agosto, ad ottobre, è tempo di tirare fuori relazioni più stabili e sicure. Qualcosa che ci protegga dalla tormenta di pioggia e dai tormenti interiori, una sorta di ombrello affettivo che provveda alle nostre burrasche caratteriali. Uomini di questo tipo sono vere e proprie rare “capsul collection” all’interno di un panorama sempre più simile ad un grande magazzino dozzinale. Il consiglio, per trovare uomini così, è di smettere di farsi attrarre da ragazzi vistosi, tenebrosi, tormentati, banalmente stronzi e iniziare a scoprire i maschietti più pacati, quelli che se ne stanno schisci nella vita di tutti giorni.

A ottobre è anche tempo di indossare sentimenti più profondi e razionali. Mettete via, nel cambio dell’armadio, la vostra adorabile pazzia da single annoiate, piegate e conservate i vostri frizzantinismi da ormoni primaverili, che ritirerete fuori tra 6 mesi e sfoderate un atteggiamento più mite, una serietà affettiva più semplice e duratura: un tortora classico con un po’ di panna, invece degli eccentrici Misted Yellow o Radiant Orchid.

Ultimo, e più importante suggerimento è quello di portare con voi una “never full bag” il must di tutte le stagioni del cuore, perché in qualunque momento potete riempirla con le vostre cose e andarvene qualora la situazione che state vivendo, non vi stia bene.

Del resto, si sa, l’autunno è la stagione della fuga.

I lunghi singhiozzi dei violini d’autunno feriscono il mio cuore d’un monotono languore. (Paul Verlaine)

Advertisements

One thought on “I must have dell’autunno. Ovvero, i sentimenti e gli uomini da indossare.

  1. Pingback: Marzo, uomini e zucchine. | #BADCONNECTIONERROR

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s